Tab Social
RelaxBankingSide2bis
Facebook logo blu
youtube_lan
 
Titolo

News

 
22/05/2017 Dalla Banca
Assemblea dei Soci 2017
L’Assemblea dei Soci di Valpolicella Benaco Banca, che si è riunita sabato 13 maggio nella sala civica del
Comune di Costermano sul Garda, ha approvato il bilancio 2016.
Utile oltre il milione e 700 mila euro, in crescita per Valpolicella Benaco Banca alla fine del 2016. Crescono anche la raccolta e gli impieghi, così come il patrimonio aziendale che tocca i 35,4 milioni di euro.
La raccolta totale passa dai 521 milioni di fine 2015 ai 547 milioni del 2016; la diretta è aumentata dai 367 a 376 milioni, mentre quella indiretta sale da 154 a 171 milioni. Gli impieghi erogati dalle 18 filiali a imprese e famiglie salgono a 357 milioni contro i 340 del 2015. La copertura dei crediti a sofferenza è pari al 65,91%, la copertura di crediti deteriorati è del 42,76%, quindi a livelli positivi.
Buoni gli indici di patrimonializzazione con un Cet1 a 12,6% nettamente superiore all’8,5%richiesto dalla normativa di vigilanza. Nel corso dell’esercizio 2016 i soci sono aumentati di oltre 150 unità, passando dai 3.435 di fine 2015 ai 3.541 del 31 dicembre.
Mi piace ricordare – ha detto il Presidente della Banca Gianmaria Tommasi – che l’incremento dei volumi è il risultato dell’acquisizione di nuova clientela nel nostro territorio e non di un allargamento della zona di operatività. Questo significa che la nostra Banca viene sempre più percepita come la banca delle comunità che in questo territorio vivono, producono e si relazionano. Il nostro essere azienda tra le aziende ci permette di essere in sintonia con le forze produttrici, così come il nostro essere a contatto con la gente di cui siamo al servizio ci permette di individuare i loro bisogni e di dare adeguate risposte.
Tutto questo fa si che Valpolicella Benaco banca non sia vista come una banca tra le tante, ma come la “nostra Banca”, la banca a cui il rivolgersi diventa ovvio!
Un altro punto all’ordine del giorno era la scelta di un gruppo bancario di riferimento in ottemperanza della legge di riforma delle Bcc. Il Consiglio di Amministrazione prima e l’Assemblea dei Soci dopo, ha scelto di aderire al Gruppo Bancario Cooperativo che fa capo all’attuale Iccrea.
Abbiamo valutato accuratamente entrambe le opzioni e la scelta che abbiamo fatto – ha detto il Presidente Gianmaria Tommasi –rappresenta a nostro avviso un valore aggiunto per i nostri soci, i nostri clienti e i nostri collaboratori.